PDFStampaE-mail

Gazzetta di Mantova 19-05-2018

Via ufficiale al cantiere di Edera

Scattati i lavori per rotatoria, ciclabile e parcheggio. Questa mattina la cerimonia ufficiale

CURTATONE (Levata). Il giorno tanto atteso dalla comunità di Levata è finalmente arrivato. Sabato 19 maggio alle 11 è stato inaugurato il cantiere per il completamento delle opere pubbliche della lottizzazione Edera. Un caso da anni sotto i riflettori, condito da proteste e battaglie giudiziarie.

Ieri il ritrovo all’incrocio tra via Dugoni e via Levata dove è stato posto il cartello di cantiere. Presenti il sindaco Carlo Bottani, la giunta al completo, il presidente del comitato di Levata Franco Presciuttini e un centinaio di cittadini, oltre ai rappresentanti e ai tecnici della ditta che si è aggiudicata l’appalto. Folta la rappresentanza di residenti del residence corte Edera. Il primo cittadino ha invitato a parlare l’ex consigliere comunale Fausto Filippini e ha dedicato il cantiere ad Anselmo Marcheselli, ex anima del comitato di quartiere scomparso nel 2012.

L’importo dei lavori, affidati alla ditta Franzoni&Bertoletti, è di 500mila euro. Saranno completate la rotatoria tra via Levata e via Caduti del Lavoro e la pista ciclopedonale che collega via Dugoni con corte Edera. Qui verranno realizzati anche nuova illuminazione e sottoservizi. Infine, verrà ricavato un parcheggio pubblico da 30 posti. I lavori dureranno sei mesi. Il contratto è già stato firmato e, di fatto, il cantiere è partito. «Si tratta di un’opera a servizio di tutti i cittadini di Levata e di chi frequenta la zona - commenta l’assessore Ivan Fiaccadori - In tanti sono venuti per testimoniare la loro soddisfazione e come amministrazione ne siamo felici». La speranza dell’amministrazione è che i lavori possano concludersi in anticipo rispetto alla scadenza.

Lavori che dovrebbero portare ad un rilancio dell’area. «I terreni del piano Edera sono nella disponibilità dei curatori fallimentari - continua Fiaccadori - e nei prossimi mesi si terranno nuove aste. Speriamo che qualche imprenditore si faccia avanti».

Matteo Sbarbada 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie a scopi statistici e per rendere il sito di più facile utilizzo. Per saperne di più.Garante per la protezione dei dati personali