PDFStampaE-mail

Voce di Mantova 26 novembre 2013

Sbarre nuove non vanno bene Voce 26-11-2013

Le rimostranze avanzate dai cittadini: “A volte bisogna aspettare anche cinque minuti e mezzo” Sbarre nuove, e già non vanno bene Il Comitato di Quartiere di Levata adesso protesta per le attese troppo lunghe L’incaricato di Rfi ha sottolineato che «gli abitanti si dovranno abituare, col tempo, a prendere altre strade» CURTATONE -«Avevamo cantato vittoria troppo presto? Tranquilli, le nuove sbarre funzionano come previsto, ma... c’è un ma che proprio piccolo non è, soprattutto per gli abitanti più vicini al passaggio a livello. Con il nuovo impianto i tempi di attesa a sbarre chiuse si sono notevolmente allungati e con essi anche le code delle auto, che rilasciano abbondanti gas di scarico». I dirigenti del Comitato di Quartiere di Levata intervengono di nuovo sulla questione del passaggio a livello. Il problema della sicurezza sembra essere stato risolto. Questa volta il Comitato mette in luce il disagio degli automobilisti che, quando passa il treno, devono aspettare parecchi minuti prima che le sbarre si rialzino. «Più in dettaglio: per i treni provenienti da Modena, l’attesa è solo di poco superiore a quanto avveniva in precedenza, circa tre minuti e mezzo. Per i treni che arrivano da Mantova, invece, l’attesa è passata da meno di un minuto a cinque minuti e mezzo» rileva il Comitato, che ha chiesto spiegazioni al responsabile di Rete Ferroviaria Italiana. «Non si può fare diversamente - ha risposto Rfi -perché il nuovo impianto risponde a uno standard di sicurezza aumentata, che prevede la verifica dell’avvenuta chiusura delle sbarre da parte del conduttore del treno». Secondo il Comitato, l’incaricato di Rfi ha sottolineato che «inevitabilmente gli abitanti si dovranno abituare, col tempo, a prendere altre strade». Giovanni Vigna

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie a scopi statistici e per rendere il sito di più facile utilizzo. Per saperne di più.Garante per la protezione dei dati personali