Territorio

PDFStampaE-mail

La fiaccolata per Edera

Sabato 09 Maggio 2015

Siamo tutti invitati alla

Fiaccolata per Edera

Giovedì 14 maggio alle 21

Ci troviamo davanti alla sala civica, poi raggiungiamo a piedi il cantiere. Leggi l'invito.

Del Piano Edera si è parlato molto anni fa, meno nell'ultimo periodo: non per indifferenza, ma più probabilmente per scoramento. Guardate cosa ne dicevamo ancora nel 2012.

Non ne parleremo molto durante la fiaccolata, che sarà soprattutto un momento di socializzazione e di protesta silenziosa. Anche se saranno presenti molti candidati alle prossime elezioni, non si trasformerà in un comizio, ma chi vuole potrà far sapere loro come la pensa.

Avremo invece modo di parlarne diffusamente nella serata dibattito del 21 maggio in sala civica: saranno presenti i 5 candidati sindaci per rispondere a tutte le nostre urgenti domande su "Edera, che fare?". Seguirà un invito per questo secondo appuntamento.

 

PDFStampaE-mail

Ancora corsi di difesa personale

Martedì 24 Marzo 2015

Il comandante Colli ci comunica:

Corso antiaggressione

Trasmettiamo in allegato l'invito all'incontro che si terrà presso la sede consigliare comunale in data giovedi 26 marzo 2015 alle ore 21.00 su tematiche molto importanti quali la prevenzione e tutela della sicurezza femminile, tentativi di violenza, stalking e metodi per prevenire tali fenomeni.

L'incontro fortemente voluto e organizzato dal Comune di Curtatone, verrà presentato dal Sindaco di Curtatone Dott. Antonio Badolato.

A seguire quattro incontri pratici finalizzati all’apprendimento di tecniche difesa personale rivolti alle donne, tramite la disciplina del “Krav Maga”, un sistema di combattimento a mani nude appositamente elaborato per uno scopo specifico: sopravvivere a qualsiasi aggressione. Esso rappresenta una forma pura di autodifesa che prevede tecniche efficaci ed istintive per potersi difendere in ogni situazione.

Il corso è completamente gratuito e gli appuntamenti si svolgeranno con il seguente ordine:

-          primo incontro teorico giovedi 26 marzo alle ore 21.00 presso la sala Consiliare del Comune di Curtatone (Montanara);

-          quattro incontri pratici nei giorni mercoledi 01 - 08 – 15 - 22 Aprile dalle ore 20.30 alle ore 21.45 presso la palestra del Palazzetto dello Sport di Levata, via Caduti del Lavoro – Levata di Curtatone.

Per effettuare l’iscrizione è possibile spedire una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure telefonare al numero telefonico (0376/358116) del Comando Polizia Locale di Curtatone

   

PDFStampaE-mail

Siamo parte civile nel processo

Martedì 25 Novembre 2014

Oggi si è svolta l'udienza del processo per la rapina di Levata. Il nostro avvocato, Maddalena Grassi, ha presentato, come previsto, la richiesta di costituzione di parte civile del comitato. Il risultato non era affatto scontato, ma l'avvocato ha mostrato tutta la sua bravura e professionalità nell'argomentare come siano stati lesi legittimi beni materiali ed immateriali legati all'attività del controllo del vicinato, e nel richiamare i necessari e decisivi riferimenti alla giurisprudenza in casi assimilabili.

La difesa degli imputati si è opposta con la motivazione che, non essendosi costituite parte civile le persone offese, non vi era motivo valido che altri, con interessi più tenui, lo facessero. Argomento invero infondato: infatti, anche se ciò poco rileva nel processo, è proprio a sostegno ed in surroga delle persone offese che il comitato si costituisce, come atto di solidarietà e di sostegno a chi risente ancora oggi, e forse per sempre, delle conseguenze di quella bestiale aggressione.

Il processo poi si è interrotto per un vizio formale, ed è stato rinviato al 12 gennaio 2015 per svolgersi con rito ordinario: ci saremo!

È forse la prima volta che un comitato di quartiere si costituisce parte civile, ed è quasi certamente la prima volta che il controllo del vicinato entra in un processo come attività a favore della sicurezza collettiva, alla quale dei malfattori hanno inferto un danno suscettibile di richiesta di risarcimento.

Ma ovviamente non è proprio il caso di aspettarsi un ritorno economico. Apriremo presto una raccolta fondi fra i nostri volenterosi concittadini per poter affrontare il processo con tranquillità.

Aggiornamento del 12/1/2015: il processo si è regolarmente aperto oggi, ma, dopo aver affrontato alcune questioni preliminari di scarsa rilevanza, è stato aggiornato al 26 gennaio ore 15 per sentire i testimoni.

Aggiornamento del 26/1/2015: come previsto (Gazzetta e Voce), sono stati sentiti diversi testimoni, fra i quali ben tre componenti del comitato di quartiere (ma non in quanto tali, bensì perché vicini di casa dei rapinati). Con un testimone si è anche andati vicino al riconoscimento degli accusati. Il processo è stato aggiornato al 13 aprile ore 15 per sentire gli inquirenti ed i testimoni della difesa.

Tenete le antenne alzate, restate connessi!

   

PDFStampaE-mail

E la e-Levata andò sott'acqua

Mercoledì 15 Ottobre 2014

Certo c'è chi sta molto peggio di noi, ma ritrovarsi ancora una volta con i piedi nell'acqua e la cantina allagata non fa piacere a nessuno.

Ancora una volta mezza Levata, nelle vie M.Martini, della Pace, Pisanello e Picasso (e altre?), si è ritrovata l'altro giorno nell'acqua. È un ben noto e ormai annoso problema, che avrebbe dovuto essere risolto con i lavori per la nuova fognatura, ma così non è stato. Forse mancano alcune opere legate (ma và?) al Piano Edera, ma i soldi della relativa fidejussione sembrano insabbiati nel nulla. Intanto a noi cittadini tocca (ma và?) sopportare.

Se leggete questo articolo sul sito www.levata.org, trovate, sotto, il link 'Aggiungi commento': raccontateci le vostre storie di acqua e dolore, serviranno quando (inevitabilmente) ricapiterà.

   

PDFStampaE-mail

Aggiornamento sul passaggio a livello

Domenica 21 Settembre 2014

Sembra quasi che i gestori delle ferrovie a Mantova abbiano preso paura!

È bastato che montasse la protesta per i tempi morti anche dei passaggi a livello di Borgochiesanuova e Cittadella, perché si vedesse un sensibile miglioramento dei tempi, almeno a Levata.

Infatti da qualche settimana molti treni provenienti da Modena fanno registrare un tempo di chiusura del nostro PaL più che accettabile, passato da oltre 5 minuti a meno di 2 minuti! Quasi tutti gli altri treni sono rimasti oltre i 5 minuti, ma intanto un miglioramento c'è stato, e questo è positivo.

Sorgono però adesso molte domande.

  • Se era così facile ridurre i tempi, perché questo non è stato fatto subito, quando, a Levata, abbiamo vivacemente protestato diversi mesi fa?
  • Dove erano allora i nostri amministratori, che, invece di fare la voce grossa, come hanno fatto adesso gli amministratori di Mantova, si sono limitati a scuotere le spalle? Mica vorranno convincerci che Levata farebbe meglio a secedere da Curtatone per passare sotto Mantova?
  • Ora che sappiamo che si possono migliorare i tempi, che cosa si aspetta per estendere i miglioramenti a tutti i treni? E se i magnifici tecnici delle nostre ferrovie, che proporremo per il prossimo premio Nobel, dovessero ripeterci che è difficile, che ci sono insormontabili problemi di sicurezza, ecc., che cosa aspettano a venircelo a spiegare direttamente?
  • A quando la istituzione di una civilissima tassa comunale sui tempi di interruzione del traffico nei passaggi a livello e per lavori stradali? A noi cittadini viene imposto il ticket sanitario, ed è giusto, perché serve a evitare inutili sprechi di cure e medicine. Ma allora perché deve essere libero lo spreco del nostro tempo (non certo di quello di lor signori)? E poi lor signori vengono a spiegarci che la produttività in Italia è bassa: ma non è quello spreco inutile del nostro tempo un insulto agli sforzi che ciascuno di noi fa per migliorare la situazione in cui ci troviamo?
   

Pagina 3 di 9

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie a scopi statistici e per rendere il sito di più facile utilizzo. Per saperne di più.Garante per la protezione dei dati personali