Rassegna stampa

PDFStampaE-mail

Gazzetta di Mantova 17 maggio 2017

Venerdì 19 Maggio 2017

L’assicurazione: per Edera non paghiamo

Curtatone. Colpo di scena in tribunale: i legali si rimangiano la promessa dei 2,4 milioni 

CURTATONE. Colpo di scena nell’udienza sul caso Edera: i legali della società assicurativa Sace di Roma, che avevano proposto al Comune di Curtatone un accordo transattivo, ieri mattina si sono rimangiati la parola, mandando su tutte le furie il sindaco Carlo Bottani e l’assessore Ivan Fiaccadori, entrambi presenti in aula. Il tanto atteso appuntamento si è, dunque, trasformato in un buco nell’acqua. L’anno scorso il tribunale, su richiesta del Comune, ingiunge alla Sace il pagamento delle somme per le opere di viabilità del piano Edera, a Levata. Il decreto, però, viene impugnato dalla società romana.

Due settimane fa, Sace propone al Comune un accordo transattivo, offrendosi di pagare quasi due milioni e 400mila euro. Ieri il colpo di scena: i legali della società capitolina rifiutano di firmare il documento predisposto dall’avvocato Gianolio, che nella causa rappresenta Curtatone. «Non avevamo chiesto nemmeno un centesimo in più di quanto c'era stato offerto - tiene a precisare Fiaccadori – pertanto non riusciamo a giustificare il voltafaccia di Sace, che di fatto blocca i nostri progetti: da 5 mesi abbiamo pronto il piano di completamento delle opere da realizzare e nel bilancio 2017 sono già stati approvati i relativi capitoli finanziari».

In aula il sindaco si è appellato al buon senso della controparte, sottolineando quanto le cifre in gioco siano indispensabili al Comune per poter ultimare le opere pubbliche lasciate a metà dall’impresa privata, garantendo così la sicurezza agli abitanti di Levata e alle persone che ogni giorno transitano sulla strada che collega Curtatone, Borgo Virgilio e Mantova. I legali della società hanno fatto mettere a verbale di non essere disposti a sottoscrivere alcun accordo transattivo. Di fronte a questo colpo di scena, il giudice si è riservato di decidere se dare provvisoria esecuzione al decreto ingiuntivo, oppure se andare direttamente a sentenza. (r.l.)

 

PDFStampaE-mail

Voce di Mantova 25 aprile 2017

Martedì 25 Aprile 2017

   

PDFStampaE-mail

Gazzetta di Mantova 20 aprile 2017

Domenica 23 Aprile 2017

Visite gratis a S. Silvestro per persone in difficoltà

Cinque medici e altrettanti infermieri presteranno gratuitamente la loro opera nel nuovo ambulatorio (di Matteo Sbarbada)

CURTATONE. Medici ed infermieri pronti a prestare gratuitamente la loro opera per aiutare le persone più in difficoltà. Questo lo spirito che ha portato alla nascita dell’ambulatorio medico di volontariato che verrà inaugurato questa mattina, venerdì 21 aprile, alle 11 in via Amendola 10 a San Silvestro, vicino alla farmacia. Un’iniziativa fortemente voluta dall’Associazione Volontari Curtatone e che gode del patrocinio del Comune.

Nella struttura le visite mediche e le prestazioni infermieristiche verranno erogate gratuitamente. Un aiuto concreto per disabili, anziani e per persone con fragilità. L’assistenza potrà anche essere esercitata a domicilio per i cittadini impossibilitati a raggiungere l’ambulatorio.

Cinque saranno i medici che presteranno la loro opera: Vincenzo Sgarioto (ex primario di rianimazione al Poma e a Pieve), Franco Olivetti (ex primario di pediatria al Poma), Gennaro Straticò (ex ginecologo al Poma), Tommaso Bruni (ex primario di chirurgia al Poma e al Montecchi) e Marcello Luca (ex ortopedico e chirurgo al pronto soccorso e al poliambulatorio di via Trento). Al loro fianco, ci saranno cinque infermieri.

L’ambulatorio sarà aperto lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 14 alle 16, a luglio e agosto dalle 18 alle 19. Il mercoledì dalle 11 alle 12.30 e il sabato mattina solo su chiamata. Inoltre, il giovedì dalle 9 alle 13 saranno a disposizione solo i medici.

L’apertura ufficiale è fissata per lunedì 24 aprile. Molte le prestazioni che saranno erogate nella struttura: rilevazione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, educazione alla rilevazione della glicemia e test glicemici, analisi urine, medicazione e rimozione punti, terapia intramuscolo, terapia endovenosa, applicazione e rimozione del catetere vescicale, educazione alla gestione delle stomie, informazioni e consigli di carattere socio-sanitario e servizio di sostegno alle neo mamme per l’allattamento e la cura del neonato.

Possibile, poi, prenotare visite di medicina interna, chirurgia generale, chirurgia vascolare, pediatria, ginecologia e ortopedia. «C’è grande soddisfazione - spiega il sindaco Carlo Bottani. Aiutare persone in difficoltà credo sia il gesto più alto di volontariato. A gestire il servizio saranno professionisti esemplari. Un sogno che si realizza».

«Esistono poche strutture simili - commenta la presidente di AVC Ivana Orsini. Da tempo sognavamo un progetto di questo tipo per i nostri cittadini»

   

PDFStampaE-mail

Gazzetta di Mantova 7 marzo 2017

Martedì 07 Marzo 2017

Semafori intelligenti all’incrocio a rischio

Al via ieri i lavori per l’installazione dei semafori nell’incrocio tra via Granasso e via Arginotto

Le autorità presenti al via dei lavoriLe autorità presenti al via dei lavori

BORGO VIRGILIO-CURTATONE. Al via i lavori per l’installazione dei semafori nell’incrocio tra via Granasso e via Arginotto, intersezione che divide i territori di Borgo Virgilio e Curtatone. Un’opera richiesta più volte in passato dai residenti, visto che il luogo è stato teatro negli anni scorsi di numerosi incidenti. Si tratta di semafori “intelligenti”.

In condizioni normali, è previsto il verde costante sulla direttrice principale. Il verde scatterà nelle strade secondarie sono con l’arrivo dei veicoli, la cui presenza sarà captata attraverso i radar. Previsto anche un attraversamento sicuro per i pedoni. L’opera verrà conclusa entro fine maggio dal Comune di Borgo Virgilio, visto che l’incrocio si trova sul suo territorio. Il costo è di 60mila euro, 30mila dei quali erogati dalla Regione grazie ad un bando sulla sicurezza stradale.

«Siamo soddisfatti per questa importante installazione - spiega il sindaco di Borgo Virgilio, Alessandro Beduschi. Il traffico è molto intenso, serviva maggiore sicurezza». L’opera sarà preziosa anche per la comunità di Curtatone. «Operando in sinergia si possono raggiungere risultati che migliorano la sicurezza e la qualità della vita dei nostri territori - commenta l’assessore al territorio Luigi Gelati -. Ringrazio l’amministrazione di Borgovirgilio per lo sforzo fatto».

   

PDFStampaE-mail

Gazzetta di Mantova 7 marzo 2017

Martedì 07 Marzo 2017

Così muoiono i ponti della storia

Quello del Navazzone rischia di crollare, quello della Stanga viene demolito dai camiondi Francesco Abiuso

CURTATONE. Due ponti sperduti nelle campagne, abbandonati all’incuria inclemente del tempo. Eppure, due pezzi di storia: pronti a testimoniare con la loro presenza un passato importante, quello della provincia mantovana, ricco di vicende tra guerre e opere di ingegno. Il Ponte del Navazzone, per esempio: «Ponte-canale costruito prima in legno e poi in muratura attorno al 1500 – recita un cartello – permetteva alla Seriola Marchionale di superare l’Osone e muovere il Mulino di campagna poco più avanti».

Incuria e degrado: i ponti storici del Mantovano sono a rischio. Due ponti sperduti nelle campagne, abbandonati all’incuria del tempo. Eppure, due pezzi di storia. Il Ponte del Navazzone, costruito prima in legno e poi in muratura attorno al 1500 e poco distante il Ponte della Stagna. Scarsa manutenzione, degrado, le pietre dei ponti si stanno sgretolando. (video Saccani)

Un’opera storica e un manufatto importante per lo sviluppo del Mantovano, emblema del “sistema degli Osoni” che per secoli e stato fondamentale. E poco distante, ecco un’altra pagina di memoria, anche questa ormai accartocciata: il Ponte della Stagna. «Assieme al Ponte Reverso – informa un altro cartello – costituì dal 1859 al 1868, dalla pace di Zurigo al termine della Seconda guerra di indipendenza, un posto di confine dell’Impero Austro Ungarico, prima con il Regno di Sardegna, poi con il Regno di Italia».

La presenza dei cartelli messi lì per iniziativa della Provincia testimonia una certa attenzione prestata dalle istituzioni in passato. Ma tutto deve essersi fermato e da tempo se entrambi i manufatti stanno letteralmente cadendo a pezzi. Il Ponte della Stanga non ha praticamente più i parapetti: quello di destra è stato abbattuto di recente da un camion che passando lungo la Provinciale ha sbandato. Ma anche all’altro parapetto sembra essere toccato un destino analogo, perché non c’è più. La Storia investita, travolta dalla modernità.

Ma ancora peggio è messo il Ponte del Navazzone: sembra possa crollare da un momento all’altro. A lanciare l’allarme è l’ex assessore provinciale Carlo Grassi: «Da quattro anni, come cooperativa Bertani, organizziamo una marcia proprio per richiamare l’attenzione delle istituzioni sullo stato di grande incuria in cui si trova la struttura – spiega Grassi – ma andando qualche giorno prima a fare un sopralluogo ci siamo accorti che dall’anno scorso la situazione è di gran lunga peggiorata: il pannello di destro è franato così come quello di sinistra per una profondità di mezzo metro. Ma soprattutto l’arcata è spaccata in due e le due parti poggiano appena: potrebbe crollare tutto da un momento all’altro».

Grassi da anni ha preso a cuore le sorti della struttura: «Ai tempi della giunta Fontanili in Provincia organizzammo un convegno e un sopralluogo con i sindaci di Curtatone, Rodigo e Castellucchio. Tutti videro le condizioni, presero impegni poi rimasti solo sulla carta».

In passato sopra il ponte passavano le acque della Seriola Marchionale: «Dal Duemila il corso del canale fu deviato proprio perché ci si rese conto del fatto che la struttura non era più idonea a sorreggere alcun peso – spiega Grassi – peccato però che poi non è stato fatto nulla per cercare di salvarla». A chi competono i lavori? «Un tempo era di proprietà del consorzio di bonifica Alta e Media Pianura Mantovana, ora credo tocchi alla Regione». Qualcuno dovrà fare qualcosa.

   

Pagina 4 di 63

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie a scopi statistici e per rendere il sito di più facile utilizzo. Per saperne di più.Garante per la protezione dei dati personali