Gazzetta di Mantova 5 marzo 2017

Pubblicato: Lunedì, 06 Marzo 2017

Teatro dialettale: addio al concorso. Il Comitato: «Mancano forze»

Levata non avrà più il concorso di teatro dialettale. L'annuncio arriva direttamente dagli organizzatori, i membri del Comitato di quartiere della frazione di Curtatone, che durante l’ultima...

Levata non avrà più il concorso di teatro dialettale. L'annuncio arriva direttamente dagli organizzatori, i membri del Comitato di quartiere della frazione di Curtatone, che durante l’ultima assemblea pubblica hanno dichiarato di non poter più proseguire con la tradizione, lanciando un appello a chiunque sia disposto a riprenderla in mano e rilanciarla.

I motivi si trovano sia nella complessità della programmazione della stagione teatrale che nella mancanza di collaboratori e diminuzione del pubblico. «Il concorso teatrale dello scorso anno resterà la chiusura in bellezza di una tradizione trentennale? Così sembra - si legge in una nota inviata dal presidente Franco Presciuttini - Abbiamo preso atto della impossibilità di continuare a organizzare la stagione teatrale con le nostre forze. Potremmo lamentarci della complessità delle procedure, che cresce ogni anno, potremmo prendercela con il disinteresse dei giovani verso le nostre tradizioni oppure con il tempo che passa per tutti noi, che ci rende di anno in anno più acciaccati: la verità è che non siamo stati capaci di costruire una successione di collaboratori ed organizzatori, risultato che avrebbe richiesto una visione pluriennale, perché le competenze che servono non sono così banali come potrebbe apparire dall'esterno».

Il sindaco di Curtatone Carlo Bottani ha mostrato la propria solidarietà al Comitato, rendendosi disponibile a dare un sostegno economico. «Purtroppo non è quello il problema principale - chiarisce Presciuttini - anche se far quadrare i conti è diventata una scommessa. Se però qualcuno volesse farsi avanti per prendere in mano questa tradizione di Levata, noi garantiamo fin d’ora il massimo supporto».

Resta invece fissata al 25 e 26 marzo la prossima mostra di pittura.

Elena Caracciolo

Gazzetta di Mantova 5 febbraio 2017

Pubblicato: Lunedì, 06 Febbraio 2017

Ennesimo rinvio per Edera. L’assessore: «Tempi brevi»

Un altro rinvio nel caso Edera. Questa volta ad essere posticipata è stata l’udienza. Il 24 gennaio la Sace BT e il Comune di Curtatone si sarebbero dovuti trovare ad affrontare la vicenda davanti a...

Un altro rinvio nel caso Edera. Questa volta ad essere posticipata è stata l’udienza. Il 24 gennaio la Sace BT e il Comune di Curtatone si sarebbero dovuti trovare ad affrontare la vicenda davanti a un giudice, ma la data è stata spostata.

«Era stato il tribunale a fissare per il 24 gennaio - spiega l’assessore Ivan Fiaccadori - poi a dicembre ci è stato detto che l’udienza era stata posticipata al 31 gennaio, invece alla fine della scorsa settimana le cose sono cambiate ancora. L’avvocato della controparte ha chiesto un rinvio per suoi motivi tecnici».

Fiaccadori ipotizza comunque tempi brevi. «È chiaro che non potranno aspettare dei mesi prima di convocare nuovamente l’udienza. Crediamo possa essere entro febbraio e siamo in attesa della data definitiva». A settembre l’assicurazione aveva presentato ricorso al decreto che era stato emesso dal tribunale sulla richiesta avanzata dal Comune di Curtatone di riscuotere la fideiussione di Edera. L’amministrazione aveva richiesto il pagamento di un importo di oltre due milioni di euro alla Sace BT per poter completare le opere pubbliche previste. (ele.car)

Gazzetta di Mantova 25 gennaio 2017

Pubblicato: Venerdì, 27 Gennaio 2017

Levata, rampa per i disabili alla sala civica

La sala civica di Levata è ora facilmente accessibile anche ai disabili, che non si troveranno più davanti a barriere architettoniche. L'amministrazione di Curtatone è intervenuta per realizzare uno...

La sala civica di Levata è ora facilmente accessibile anche ai disabili, che non si troveranno più davanti a barriere architettoniche.

L'amministrazione di Curtatone è intervenuta per realizzare uno scivolo all'ingresso della saletta, uno dei punti di riferimento del paese e spesso usata per organizzare incontri. «Come richiesto dal Comitato di quartiere è stata realizzata la rampa per disabili all'ingresso della sala civica - conferma l'assessore ai lavori pubblici Luigi Gelati -. Nell'ultimo incontro con i residenti ci era stata segnalata la necessità di creare un leggero scivolo per permettere l'accesso alla carrozzine e ci siamo attivati per risolvere il problema».

Questo non è stato l'unico intervento di miglioramento eseguito a Levata. «Sono stati riparati i tombini di via della Costituzione che presentavano cedimenti, creando un pericolo specialmente per ciclisti e motociclisti. Tali interventi sono il frutto delle segnalazioni ricevute durante gli incontri, oppure tramite i portavoce di frazione che ci segnalano bisogni e suggerimenti da parte della popolazione». L'assessore sottolinea la collaborazione tra Comune e cittadini. «Il compito di ogni amministrazione è il saper ascoltare e realizzare quanto viene chiesto, e questi piccoli interventi, oltre alle grandi opere che diventano sempre più problematiche a causa delle poche risorse a disposizione, sono frutto dell'ascolto quotidiano».

In primavera prenderanno il via i lavori da 150mila euro per la realizzazione della ciclabile di via Costituzione.

Elena Caracciolo

Gazzetta di Mantova 18 gennaio 2017

Pubblicato: Giovedì, 19 Gennaio 2017

A Levata nasce il manifesto per la sincerità fiscale

Il comitato di paese promotore dell'iniziativa: "Vorremmo invitare tutti i concittadini a rispettare le regole, anche se sappiamo quanto sia pesante la pressione del fisco".

Un'iniziativa promossa dal comitato...Un'iniziativa promossa dal comitato di Levata

CURTATONE. Un manifesto per la “sincerità fiscale”, con cui invitare i cittadini di Levata ad essere onesti e non evadere le tasse. I tempi non sono facili per tutti e sono tante le persone che ogni giorno si lamentano, soprattutto dei furbetti che le tasse non sempre le pagano.

Il comitato di quartiere ha così deciso di lanciare una curiosa e originale iniziativa, sia ai residenti della frazione che al resto di Curtatone: istituire il manifesto per la sincerità fiscale, che verrà presentato e proposto giovedì sera durante un'assemblea pubblica. «Discuteremo la stesura di un documento innovativo - spiegano i membri del comitato - con il quale vorremmo invitare tutti i concittadini a comportamenti di maggior considerazione delle leggi fiscali rispetto alla media diffusa nella popolazione, che è piuttosto bassa. Non intendiamo certo tacere il fatto che tali comportamenti sono indotti dalla eccessiva pressione fiscale e dalla assenza di adeguate semplificazioni - viene chiarito - ma bisogna pur interrompere il circolo vizioso del gatto che si morde la coda».

Tra gli ideatori del documento c'è il presidente Franco Presciuttini. «Si tratta di una nostra invenzione - spiega - che vuole invitare le persone a riflettere e ad essere il più trasparenti possibile in fatto di legalità. Sappiamo bene che la pressione fiscale è eccessiva, ma bisogna rispettare le regole. Chissà, forse ci faremo qualche nuovo nemico, però serve qualcuno che dia il buon esempio e noi vogliamo farlo».

L'assemblea è in programma alle 21, nella sala civica di Levata. All'ordine del giorno ci sono anche alcune comunicazioni, il bilancio 2016 del comitato e la discussione dei prossimi eventi del 2017. (ele.car)

Gazzetta di Mantova 21 dicembre 2016

Pubblicato: Sabato, 24 Dicembre 2016

Il nuovo semaforo entro l’estate

Borgo Virgilio. Il Comune: necessario per mettere al sicuro i pedoni da via Levata

BORGO VIRGILIO. L’amministrazione di Borgo Virgilio ha approvato il progetto per un semaforo all’incrocio tra via Granasso, via Arginotto, strada Argine Cerese e via Levata, fra i territori di Borgo Virgilio e Curtatone. L’opera, che sarà realizzata entro l’estate, ha un valore di 60mila euro ed è cofinanziata dal Pirellone per 30mila euro, all'interno del bando per l'assegnazione di contributi a favore dei piccoli Comuni per la realizzazione di progetti infrastrutturali volti al miglioramento della sicurezza stradale.

«La proposta nasce dalla necessità di mettere in sicurezza l'incrocio, che concentra un flusso di traffico considerevole», si legge nella scheda tecnica dell'intervento. La progettazione è stata sviluppata per consentire il transito e le manovre dei veicoli attraverso l'inserimento di un impianto semaforico. Come primo effetto, ci sarà una riduzione della velocità dei veicoli e più sicurezza nelle manovre di svolta e di attraversamento dalle strade laterali. Soddisfatto il sindaco Alessandro Beduschi: «Finalmente si interviene su un incrocio molto pericoloso, perché attraversato da molti cittadini che raggiungono i centri commerciali vicini. Anche per merito della fusione, la Regione ci ha premiati - aggiunge Beduschi - e la ringraziamo».

Con l'installazione della nuova apparecchiatura sarà possibile coordinare senza pericoli l'attraversamento dei pedoni che da via Levata si dirigono verso la frazione di Cappelletta, lungo via Granasso, con il sistema a chiamata (anche per i non vedenti).

«In condizioni di normale esercizio l'apparecchiatura prevede il verde costante lungo la direttrice principale. Con il sistema di prenotazione gestito attraverso i radar a microonde, il via libera alle strade secondarie verrà concesso soltanto con l'effettiva presenza di veicoli, ottimizzando quindi il ciclo semaforico e garantendo un buon livello di servizio generale del nodo, ai fini dello smaltimento dei flussi di traffico».

Gazzetta di Mantova 29 novembre 2016

Pubblicato: Giovedì, 01 Dicembre 2016

La ciclabile è realtà: primi lavori da marzo

La ciclabile di via Costituzione, a Levata, sarà realtà entro maggio 2017. La conferma arriva dal Comune di Curtatone, che ha dato l’ok al progetto esecutivo, uno degli ultimi passaggi necessari...

La ciclabile di via Costituzione, a Levata, sarà realtà entro maggio 2017. La conferma arriva dal Comune di Curtatone, che ha dato l’ok al progetto esecutivo, uno degli ultimi passaggi necessari prima di poter predisporre i lavori. In base a quanto previsto, il cantiere dovrebbe partire per marzo, anche se è già stato provvisoriamente tolto lo speed check che si trova nell’area interessata dall’intervento. Il percorso ciclopedonale collegherà il tratto che va dall’intersezione con via Leopardi fino al passaggio pedonale del rondò del parco delle Meraviglie e potrà quindi essere utilizzato anche dai bambini della scuola, per raggiungere in sicurezza il palasport.

L’opera era attesa dai cittadini da diversi anni. «Parliamo di un cantiere dal valore di 150mila euro - dice l’assessore Luigi Gelati -. La ciclabile era prevista nel piano delle opere pubbliche del 2016 ed entro quest’anno viene infatti completato l’iter burocratico. I residenti la aspettano da tempo, infatti se ne era iniziato a discutere con la precedente amministrazione, che aveva fatto uno studio di fattibilità. Noi completiamo il discorso, ma capita che quando si cambiano le amministrazioni l’ultima finisca qualcosa cominciato da chi c’era prima. Forse arriverà anche un contributo da circa 50mila euro in seguito ad un bando sulle ciclabili a cui avevamo partecipato, risorse che, se verranno incassate, saranno spese per completare altri tratti di ciclabili di Levata».

Il dissuasore di velocità verrà rimesso a fine lavori: «Lo abbiamo tolto perché presto cominceremo a predisporre il cantiere». Elena Caracciolo

Gazzetta di Mantova 22 dicembre 2015

Pubblicato: Mercoledì, 30 Novembre 2016

Il Premio Canneti a due benemeriti

CURTATONE. Dopo alcuni anni di interruzione, l'amministrazione di Curtatone ha ripristinato il Premio Costantino Canneti e premiato due persone ritenute meritevoli per l'impegno quotidiano a...

CURTATONE. Dopo alcuni anni di interruzione, l'amministrazione di Curtatone ha ripristinato il Premio Costantino Canneti e premiato due persone ritenute meritevoli per l'impegno quotidiano a servizio della comunità. I premiati sono Fausto Baraldi di Levata e Bruno Mariotti di Grazie. La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi in sala consiliare, dove erano presenti il presidente della fondazione Canneti, Sergio Mantovani, il sindaco Carlo Bottani e il vice Federico Longhi.(ele.car)

Gazzetta di Mantova 5 novembre 2016

Pubblicato: Martedì, 08 Novembre 2016

Braccio di ferro su Edera a gennaio

Fissata l’udienza per la vertenza sulla fideiussione da due milioni di Elena Caracciolo

CURTATONE. La data per l’udienza è stata fissata: il 24 gennaio la Sace BT e il Comune di Curtatone si troveranno ad affrontare la vicenda Edera davanti a un giudice. L’annuncio è stato fatto dagli amministratori giovedì sera in un’assemblea pubblica organizzata dal Comitato di quartiere di Levata per segnalare i problemi della frazione.

Inevitabilmente si è parlato anche del caso Edera e il sindaco, affiancato dall’assessore Luigi Gelati e dal consigliere Luca Corradini, ha confermato la data di gennaio. «Ci siamo costituiti in giudizio, una formalità tecnica - ha precisato ieri l’assessore Ivan Fiaccadori - Il nostro legale aveva chiesto il pagamento, il giudice aveva emesso un decreto ingiuntivo a nostro favore ma l’assicurazione ha presentato ricorso. Eravamo in attesa che venisse fissata l’udienza ed ora non possiamo fare altro che aspettare. Siamo fiduciosi e speriamo che venga accolta la nostra istanza».

A settembre l’assicurazione aveva presentato ricorso al decreto che era stato emesso dal tribunale sulla richiesta avanzata dal Comune di riscuotere la fideiussione di Edera. L’amministrazione aveva richiesto il pagamento di un importo di oltre due milioni alla Sace BT per poter completare le opere pubbliche previste. «Il tribunale aveva accolto la richiesta del Comune - ricorda Fiaccadori - il decreto ingiuntivo era rimasto in sospeso per i quaranta giorni stabiliti, però la Sace ha fatto ricorso. Se questo non fosse successo, il decreto sarebbe diventato esecutivo».

Durante l’incontro in sala civica i residenti hanno avuto la possibilità di segnalare alcune criticità. «Il dibattito è stato costruttivo - dice il presidente del Comitato, Franco Presciuttini - si è parlato di tanti piccoli problemi come la pericolosità dell’incrocio sulla Spolverina, la ciclabile di via Costituzione ancora incompiuta, perché verrà completa a maggio, alberi che ostruiscono i marciapiedi, la mancanza di punti luce in qualche zona e la necessità di avere un doposcuola alle elementari».