Circolo dei lettori

PDFStampaE-mail

Una serata pas comme les autres

Mercoledì 18 Ottobre 2017

L'altra sera, 17 ottobre, al Circolo dei Lettori di Levata, è stata una serata tutta speciale. Il libro scelto per la lettura ed il commento era 'Chopin vu par moi', di Rita Charbonnier, edito da 'Scrittura a tutto tondo', che, nonostante le apparenze, non è un libro francese di una scrittrice d'oltralpe: invece la scrittrice ha frequentato, anni addietro, il liceo a Mantova, ed è stata allieva di pianoforte di Lucia Lusvardi (vedova del compianto Claudio Gallico), la grande mantovana, che è il personaggio del libro.

Ma perché non è stata una serata come le altre? Perché la scrittrice ed il personaggio del libro erano presenti, in carne ed ossa, fra noi, insieme ad un folto gruppo di estimatori!

Abbiamo così ascoltato dalla viva voce dei protagonisti quei racconti di vita e di arte di cui tratta il libro. Sono sette conversazioni (sette come le note del pentagramma), nelle quali Rita Charbonnier rende omaggio a una donna eccezionale, il cui carisma si avverte in ogni pagina, offrendo contemporaneamente al lettore un ritratto inedito e affascinante del principe dei pianisti.

Alternando episodi struggenti a momenti di umorismo e leggerezza, queste sette conversazioni — dove tutto si regge come in una partitura — ripercorrono le tappe di una carriera musicale specialissima. Dalle audizioni vissute come un supplizio ai primi concerti, dall’insofferenza per la mondanità fino all’incontro con Fryderyk Chopin e, da quel momento, il desiderio, quasi un rovello, di restituire la sua musica inalterata e pura. Perché Chopin è ben diverso dall’eterno malato che sospira alla luna.

La conversazione dell'altra sera con Lucia Lusvardi e Rita Charbonnier ci ha restituito tutta la forza del personaggio, ed insieme la sua ritrosia ad apparire ed il suo amore intimo e quasi segreto per l'esecuzione musicale.

 

PDFStampaE-mail

Un Circolo dei Lettori molto speciale

Domenica 01 Ottobre 2017

Il Circolo dei Lettori di Levata si riunisce ogni terzo martedì del mese nella sala civica di Levata. Nella data fissata i lettori si riuniscono per commentare il libro del mese, che è stato distribuito nell'incontro del mese precedente. Data e titolo sono annunciati nella colonna di destra della pagina Home del sito www.levata.org e, come sempre, chiunque può intervenire anche senza aver letto il libro. Nella stessa posizione si può anche consultare l'elenco dei libri commentati nel corso degli anni.

Il prossimo incontro sarà particolarmente inusuale. Commentiamo il libro 'Chopin vu par moi', che presenta il resoconto di conversazioni fra Lucia Lusvardi e la scrittrice Rita Charbonnier, sua ex allieva al corso di pianoforte del nostro conservatorio.

Lucia Lusvardi, vedova del compianto Claudio Gallico, è una mantovana eccezionale, il cui carisma traspare in ogni pagina del libro, ma che ama tenersi in disparte, per cui non tutti la conoscono. Bambina prodigio prima, poi pianista di grande livello, non ha potuto sviluppare pienamente, in giovane età, le sue potenzialità, per motivi di salute. Si è dedicata particolarmente alle interpretazioni chopiniane, sviluppando una propria autonoma visione del modo corretto di affrontare il sommo autore. 

Ed è appunto la propria esperienza di vita e di interprete di Chopin che Lucia Lusvardi ci presenta attraverso la penna di Rita Charbonnier.

Ma allora cosa c'è di veramente speciale, se non unico, in questo incontro del prossimo martedì 17 ottobre alle 21 nella sala civica di Levata, direte voi? Ebbene, saranno presenti all'incontro sia l'autrice che la protagonista del libro! Questa volta quindi, non solo, come facciamo di solito, avremo modo di commentare la scrittura ed il contenuto del libro, ma potremo assistere ad una ripetizione dal vero del libro stesso, con probabili ulteriori approfondimenti dei suoi contenuti. Quando mai ci ricapiterà una situazione simile?

Chi volesse ascoltare qualche rara registrazione di esecuzioni di Lucia Lusvardi le trova qui.

E, come sempre, le nostre porte sono aperte, chiunque può partecipare.

   

PDFStampaE-mail

Torna il Circolo dei Giovani Lettori

Domenica 01 Ottobre 2017

Per chi si fosse distratto, ricordiamo che già da diversi anni il Comitato di quartiere, grazie alla poderosa e continua spinta del nostro Fausto Baraldi, organizza il Circolo dei Giovani Lettori per i bambini della scuola elementare di Levata. È un impegno assai gravoso, non solo per l'organizzatore, ma anche per i tanti volontari (ben 11!) che prestano la loro opera per un pomeriggio alla settimana: senza di loro questa importantissima iniziativa non si potrebbe realizzare. Un plauso va anche ai tanti genitori (circa 50 negli anni scorsi) che, prendendosi anche, ovviamente, l'onere di condurre e ricondurre i bambini agli incontri, sanno guardare lontano e conoscono l'inestimabile valore di consentire ai loro piccoli un'esperienza didattica che vada oltre l'indispensabile impegno scolastico.

Negli incontri i giovani vengono suddivisi in gruppi di età, in modo da chiedere a ciascuno un impegno al proprio livello, ludico e giocoso per i più piccoli e più 'serioso' per i maggiori. Per il resto si commentano letture di libri come in qualsiasi circolo dei lettori.

Se ne parliamo adesso è perché sono aperte le iscrizioni per il nuovo anno scolastico. Presto sarà distribuito un volantino all'ingresso della scuola Don Grioli, ma chi volesse arrivare fra i primi può iscriversi già adesso. Sarà richiesto di riempire un modulo con tutti i dati, ma intanto si può telefonare allo 0376290376 (Fausto Baraldi) o allo 0376290018 (Corrado Zampolli), ma anche scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (link disponibile sulla pagina Home del nostro sito www.levata.org), o ancora a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Ci vediamo nell'occasione dell'ormai prossimo incontro di apertura!

   

PDFStampaE-mail

Un evento di rara importanza, quasi unico

Domenica 02 Aprile 2017

In una certa cultura contadina, una cosa regalata è vista con sospetto e considerata di probabile poco valore. Invece questo regalo è da considerare di quelli che valgono come un brillante.

È uscito il volume di Big Chief Giuseppe Callegari (1) e di Cesare Spezia "I Madonnari delle Grazie" : non un libro, ma un'inchiesta giornalistica, scrive Giuseppe; è anche, incontestabilmente, il risultato di un grande lavoro di ricerca, donato alla comunità come il più puro degli atti di volontariato. È una di quelle opere che cementano la memoria storica di quel grande paesone (oops! di quella grande città Wink) che è Curtatone: da citare subito nelle pagine di Wikipedia su Curtatone e sulla Fiera.

Il libro è in formato elettronico: chi ha ancora l'inveterata abitudine Cool di considerare una biblioteca come una serie di scaffali, potrebbe restare deluso, ma si consoli pensando alle tante funzioni di ricerca che sono possibili con questo strumento moderno, che consente, per soprappiù, un risparmio di costi che, altrimenti, ucciderebbero tanta creatività.

A proposito di funzioni di ricerca: tutto il materiale che trovate nell' "ARCHIVIO" del sito del Comitato di Levata è indicizzato 'a pieno testo', cioè l'intero testo contenuto nei documenti viene ricercato per parole contenute (non pretendiamo di fare concorrenza a Google, ma molto alla lontana sì!). Questo vale anche per i documenti comunali pubblicati nell'albo pretorio, ed anche per il libro di cui si parla. Quindi, da ora in poi, se volete sapere qualcosa di più di quel madonnaro di cui ricordate solo il cognome, basta scriverlo nella casella di ricerca e sarete subito condotti al libro, dove, con Ctrl+F, troverete tutti i punti in cui se ne parla.

(1) Di Giuseppe voi tutti leggete di certo regolarmente "Il topone": qui l'ultimo numero.

   

PDFStampaE-mail

I risultati del concorso letterario

Giovedì 08 Dicembre 2016

Si è concluso con le premiazioni il concorso letterario del Comitato di Quartiere, voluto e organizzato dal nostro Fausto Baraldi, e sostenuto dall'amministrazione comunale e dal sindaco, che ha inviato a rappresentarlo la consigliera Antonella Montagnani e l'assessore Luigi Gelati.

Le classifiche sono state stilate dai professori Marco Belfanti Luciana Luppi e dall'artista (pittore, musicista, scrittore) Stefano Morandi. Il presidente del comitato Franco Presciuttini ha tenuto a sottolineare il grande rigore al quale è stata improntata l'azione della giuria: non solo tutti gli elaborati sono stati valutati in forma anonima, ma i giudici hanno valutato le opere ciascuno per proprio conto, prima di incontrarsi per stilare la classifica.

Il risultato è stato che, nella sezione 'Prosa', la più affollata, ci siamo trovati con due primi a pari merito, due secondi a pari merito e due terzi a pari merito! Erano in concorso 29 opere di 27 autori. Di queste: 3 poesie ed il resto prosa, 2 concorrenti giovanissimi, ed una concorrente, non residente a Curtatone, Giulia Rossi (di soli 92 anni!), è stata accolta fuori concorso ed ha presentato un fresco racconto colmo di ricordi personali.

La professoressa Luppi ha svolto una relazione conclusiva ed ha dedicato a ciascun premiato una motivazione densa di citazioni dagli elaborati.

I premiati, che hanno ricevuto ciascuno un bel pacco di libri, li trovate nella classifica finale: ricordiamo soltanto i due giovanissimi Matteo Fochi (11 anni!) e Gaia Magnani (9 anni!), ed i primi classificati della sezione prosa, Luca Artioli, che ha presentato '8 agosto 1944', toccante ricostruzione storica di un delitto nazista, e Stelio Carnevali, che ha anche letto con molta verve il suo racconto, 'Chiodo e martello', una vivace e spiritosa ricostruzione da ricordi personali del tempo che fu.

Trovate tutti i testi qui.

   

Pagina 1 di 6

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie a scopi statistici e per rendere il sito di più facile utilizzo. Per saperne di più.Garante per la protezione dei dati personali